Justin Bieber, il film Believe è un flop: solo 1,2 milioni di incassi, è al 14° posto

20131204_58503_99_340034_000035hPuò capitare che anche le star più astute e brave nell’arte di farsi pubblicità facciano un buco nell’acqua. Questa volta è capitato a lui, al ragazzino d’oro del pop, Justin Bieber.   A forza di ricevere i suoi tweet in cui annunciava e poi smentiva il ritiro dalle scene, i suoi fans si sono sentiti demoralizzati e non hanno affollato i botteghini il giorno di Natale quando sugli schermi è arrivato il suo “Believe”.  Sembrava che questo secondo film di Justin dopo “Never Say Never” fosse destinato a un altro boom, invece ha fatto flop. “Believe” ha raccolto solo 1 milione e 200 mila dollari, collocandosi al 14esimo posto fra i film nelle sale. E’ stato abbondantemente superato da “The Hobbit” che si è piazzato primo con circa $9.3 milioni. Il nuovo film di Leonardo Di Caprio “Wolf of Wall Street” è arrivato secondo con 9.1 milioni, and “Anchorman 2” ne ha incassati 8,1.  Considerato che il film di Justin era in programma in mille sale, la media per cinema è stata appena 1200 dollari di incassi. Proprio pochino. Per avere un paragone più diretto: “Never Say Never” fruttò 12 milioni di dollari nel suo primo giorno nelle sale, e oltre 30 milioni alla fine del week-end.  Acido com’è suo solito, Perez Hilton, autore del popolarissimo blog di pettegolezzi, insinua: “Forse ora tutto quel parlare di ritirarsi dalle scene non sembra più così strano”. Ma in verità non pare proprio che Justin abbia voglia di smettere di cantare. E il flop del film può essere stato causato dal fatto che a distribuirlo non era la potente Paramount, com’era stato per “Never Say Never”, ma “Open Road”, che ha fatto poca pubblicità, nella convinzione che ad attirare il pubblico ci avrebbe pensato Bieber con il suo immenso seguito nei social media – per esempio i suoi 48 milioni di followers su Twitter.  Ecco dunque il buco nell’acqua: la strategia dei tweet che minacciavano il pensionamento del cantante non è stata vincente. Tutt’altro. Ma non è detta l’ultima parola: il film deve girare il mondo, e probabilmente Justin riuscirà a portare i suoi fans al cinema in numero comunque abbastanza elevato da trasformare la pellicola se non in un blockbuster, per lo meno in dignitoso successo finanziario. Dopotutto girare “Believe” è costato solo poco più di 4 milioni.

Miley Cyrus ancora da scandalo su Mtv: ritira il premio agli Ema e si accende uno spinello

Miley, Cyrus, fuma, spinello, ema,musica,news,notizie,vip,star,cantante,Mtv ,Amsterdam,miglior video "Wrecking Ball"


Come le colleghe più grandi anche Milley Cyrus da un pò di tempo sta intraprendendo (con indubbio successo) la strada dello “scandalo ad ogni costo”. La stellina del pop, ex reginetta di Casa Disney, sembra preferire Mtv per le sue “esibizioni” e dopo il Twerk, durante gli Ema ad Amsterdam, ha tirato fuori dalla borsa e acceso uno spinello sul palco. E pensare che se gli scandali non bastassero, il premio da ritirare era quello per il miglior video (“Wrecking Ball”), in cui Miley lecca felice un martello…

Paris Hilton sfila a Milano in passerella per presentare la sua nuova linea di borse


paris, hilton,Rho Fiera Milano,passerelle del Mipel,star,Ibiza ,moda,news,notizie,gossip,vip,


E’ arrivata Paris Hilton. La ricca ereditiera ha sfilato oggi sulle passerelle del Mipel, la fiera internazionale di pelletteria e accessori moda in programma fino a mercoledì a Rho Fiera Milano. 

Assediata dai flash dei fotografi e dagli obiettivi delle telecamere, l’attrice, dj e imprenditrice ha svelato durante un incontro i dettagli del suo marchio Paris Hilton Handbags & Accessories nato nel 2005, che oggi conta 44 store in 40 Paesi (l’ultimo e’ stato inaugurato questa estate a Ibiza) e circa 500 corner nel mondo. Uno dei tasselli mancanti e’ proprio l’Italia, “un Paese che amo molto” ha detto la star “anche perche’ in realta’ sono un po’ italiana anche io, ho origini siciliane”. E’ per questa ragione che la Hilton è arrivata qui per promuovere il piano di espansione in Europa, che prevede “non so ancora quando – ha specificato – un’apertura a Milano, la capitale della moda”.

Da Natalia Borges a Sandra Bullock: Ecco i look piu belli di Venezia


venezia, venezia70,star,Cinema di Venezia,gossip,Marina Ripa,telefilm Smallville,Scarlett Johansson,abito Versace,star di Hollywood,gioielli Damiani,Versace,look,gioielli Bulgari,farfallina di Belen,moda,vip,news,notizie, mostra cinema, sandra bullock, natalia borges, alberta ferretti, eva riccobono, sophie kennedy clark,belli,

 

VENEZIA – La Mostra del Cinema di Venezia è giunta alla 70esima edizione. Ma ha regalato come sempre grandi emozioni non solo in sala, ma anche sul red carpet. Fin dalla sua nascita la manifestazione, grazie alla presenza delle più belle dive nostrane e delle più celebri star di Hollywood, si è rivelata fonte d’ispirazione. Ha fatto parlare di sé, grazie a un abito giallo firmato Fausto Puglisi, l’attrice Natalia Borges: lo spacco sexy della lunga gonna, profondissimo, ha provocato commenti e ingrandimenti come non succedeva dai tempi della farfallina di Belen. L’eleganza di Alberta Ferretti è stata scelta da Chiara Ferragni (con gioielli Damiani) e dalla modella siciliana Eva Riccobono, madrina della kermesse, avvolta da affascinanti trasparenze. Trionfatrice sul tappeto rosso Scarlett Johansson, con abito Versace nero, lungo, con scollatura a cuore e una pettinatura romantica, incorniciata da gioielli Bulgari: un look raffinato ma senza eccessi.

I LOOK L’attrice Sandra Bullock, che proprio aggraziata non è, ha scelto un look aggressivo e indovinato con l’abito rosso firmato J. Mendel e sandali Roger Vivier. La scozzese Sophie Kennedy Clark ha indossato diversi outfit firmati Stella McCartney; Cristiana Capotondi un abito senza spalline Valentino Resort 2014, con bouquet di piccoli fiori colorati stampato; Marina Ripa di Meana non ha resistito all’ironia e ha sfoggiato un cappello-gabbia per uccelli. Tra gli uomini spiccano gli charmant Tom Welling, star del telefilm Smallville, in smoking nero e James Franco, che sfila tra il delirio delle fan in uno completo Gucci, maison di cui è testimonial. Daniel Radcliffe, infine, sceglie uno stile color block, molto giovanile, con giacca blu elettrico e pantalone scuro, camicia bianca a righe e cravatta sottile.