Saldi, partono gli sconti i tutta Italia. La crisi si sente: Poche file nei negozi

 

saldi, negozi, partenza, italia, via, sconti,shopping,news,notizie,crisi


Partiti stamani i saldi estivi 2013: nonostante le previsioni di calo delle vendite e la crisi si notano alcune code davanti ai negozi delle principali griffe della moda in centro: dalla galleria al quadrilatero vero e proprio. I ribassi saranno in vigore per due mesi: la previsione di Federmodamilano (Confcommercio Milano) è di un valore complessivo delle vendite di 425 milioni di euro, con un acquisto medio a persona di 144 euro. Previsioni in calo rispetto agli anni scorsi: influisce sulle stime l’andamento debole dei consumi. Rispetto, in particolare, ai saldi estivi 2012, il valore complessivo stimato dei saldi scende del 5,5% e l’acquisto medio a persona del 6,5%.

POCHE FILE Le primissime stime di Federmoda sulla prima mattinata di saldi nella Capitale parlano di «inizio in sordina: poca gente in strada e nei negozi, poche file, probabilmente anche per l’effetto week end al mare». Lo afferma il presidente della associazione aderente alla Confcommercio di Roma, Massimiliano De Toma. Nelle strade dello shopping al centro storico, come per esempio in via del Corso, poca la gente in fila. «Purtroppo partiamo già da stime iniziali negative – afferma De Toma, anche proprietario di un negozio di abbigliamento a Roma -. Noi auspichiamo che il dato delle vendite nei saldi estivi si attesti a un -10%, massimo meno -15% rispetto allo scorso anno, non di più. La crisi economica continua a farsi sentire e le persone comprano sempre con più difficoltà, anche a fronte di sconti da subito molto elevati» «Registriamo una differenza tra i negozi multi-brand, che sono più in sofferenza, rispetto ai monomarca che tengono di più – conclude -. Resta ovviamente poi anche il distinguo tra i negozi del centro e la periferia romana, che non viene aiutata neanche dal turismo».

OGGI IL VIA Dopo Basilicata, Campania e Molise, dove sono già iniziati il 2 luglio, da oggi i saldi estivi partono anche nelle altre regioni. Secondo le stime dell’Ufficio Studi di Confcommercio, ogni famiglia spenderà in media per l’acquisto di articoli di abbigliamento e calzature in saldo 229 euro, meno di 100 euro a testa, per un valore complessivo di 3,6 miliardi di euro. Le vendite estive rappresentano sempre un momento di richiamo per le famiglie anche se negli ultimi anni la quota destinata a questo tipo di acquisto, sottolinea Confcommercio, si è ridotta costantemente in linea con le esigenze di un bilancio familiare condizionato da un calo del reddito disponibile. «Siamo consapevoli -sottolinea Renato Borghi, Vice Presidente di Confcommercio e Presidente di Federazione Moda Italia- delle difficoltà che attraversano le famiglie italiane dal punto di vista del reddito disponibile, pertanto è prevedibile un leggero calo rispetto all’anno scorso con uno scontrino medio intorno ai 100 euro». «Siamo peraltro fiduciosi che i saldi, che preferisco definire di ‘inizio stagionè, sapranno incontrare le più diversificate esigenze dei consumatori, sia per quantità, qualità e assortimento dei prodotti invenduti, che per gli sconti che prevediamo possano superare il 40%. Le vendite in questo periodo, insomma, -conclude Borghi- pur in un contesto difficile, potranno dare effervescenza alle vendite e rappresentare per i consumatori italiani e i turisti stranieri un’occasione per acquistare quei capi d’abbigliamento desiderati nel corso della stagione».

Saldi estivi 2013: cosa non dovete farvi scappare!


Ciò che potete trovare oggi in saldo portandovi avanti per le prossime stagioni e qualche consiglio per arrivare preparate nei negozi!

images.jpg

Care ragazze, so che ormai state facendo il count down e io ho un’ottima notizia per voi! Proprio ieri infatti è cambiato il calendario di questi imminenti saldi estivi 2013 e, se in Trentino, Basilicata e Campania i saldi sono iniziati già martedì, per tutte le altre regioni la data è stata anticipata a sabato 6 luglio, ovvero tra 2 giorni!!
Io mi sto già attrezzando per tempo cercando di seguire tutte le regole basilari per affrontare i primi giorni di caccia agli affari! Sto cercando di stabilire un budget limitato che mi porterò i contanti in modo da non avere la tentazione di sforare, cercando di ignorare con nonchalance l’sms della carta che illumina il display del telefono. Ho anche già fatto un giro di perlustrazione per i negozi provando i capi dove era possibile, verificando la disponibilità del mio numero/taglia e cercando di individuare i capi che mi interessavano maggiormente!

Shopping.jpg

Ho anche già detto a sorella, amiche e follower del mio blog che devono assolutamente sposare il mio appello a favore degli uomini lasciandoli a casa nei giorni clou. I motivi sono sostanzialmente due e sono sicura che gli uomini (e anche le donne) li approveranno: in primo luogo perché stando lì fermi immobili, con occhi sconsolati e sguardo perso, intralciano il passaggio e rallentano la fila per i camerini e in secondo luogo perché poverini, ma vi siete mai fermati a guardali? Lì seduti ,sommersi dai vestiti che si lanciano occhiate di solidarietà e sostegno con in mano sì e no il set di boxer bianchi che era in offerta 3×1 nel reparto uomo. Abbiate pietà, vi prego! Portatevi le amiche!

I capi basic da non farsi scappare

scarpe-e-borse-grigi-nina-ricci_1.jpeg

Per quanto riguarda invece i miei consigli per gli acquisti di quest’anno, visto anche il periodo non proprio fortunato dell’economia, la cosa più importante in assoluto è comprare capi basic, iconici e ever green. La borsa che avete sempre sognato, ma che a prezzo pieno è proibitiva (avete guardato qualche sito online? Hanno grandi sconti sui prodotti luxury!), il tubino nero sopra il ginocchio che va sempre bene, il tailleur giacca pantalone, le camicie bianche e le bluse tinta unita, le ballerine con punta arrotondata, le décolleté classiche in beige, nero o rosso, la giacca in pelle scontata del 30 o 40% e i jeans con cui vi trovate bene che in questo periodo potete trovare in sconto approfittando per farvene una scorta!

I capi che potrete riutilizzare in autunno

abbigliamento-versace-inverno-2011.jpg

Se invece amate osare nei vostri look o se avete l’armadio pieno di capi basic e cercate qualcosa di nuovo, vi consiglio di comprare capi che potrete facilmente riutilizzare anche in autunno o, perché no, la prossima primavera! Il mio suggerimento è quello di non spendere soldi nei capi modaioli di questa stagione cercando invece di comprare camice di jeans,felpe con scritte o fantasie particolari,gonne a ruota o a palloncino (le stampe colorate vanno sempre bene), un maxi dress elegante da indossare alla prossima festa o magari a Capodanno, capi con stampa check che rivedremo per tutta la prossima stagione e sneakers super-colorate che saranno di gran tendenza anche nei mesi autunnali insieme a tutte le scarpe basse (mocassini, slippers e stringate) che prevarrano sui tacchi alti.