Kaka, Tegola Milan. ”Lesione all’adduttore,fermo 3 settimane”

kakà, infortunio,stipendio ,gossip,Torino,calciatore,sport, fermo,YouTube,soldi,Milan, tre settimane,calcio,news,notizie,


MILANO – Brutta tegola per il Milan che perde praticamente subito il principale rinforzo del mercato estivo. Dopo la prima partita giocata a Torino, Kakà ha rimediato un infortunio che lo terrà fermo almeno per 2-3 settimane. «Lesione muscolare all’adduttore sinistro», è la diagnosi comunicata dal Milan e, «tra una decina di giorni, il calciatore effettuerà altri esami per stabilire meglio la prognosi». Niente match di Champions, quindi, e prossima sfida clou di campionato contro il Napoli.

STIPENDIO AUTOSOSPESO «Finchè sono fermo per infortunio, mi autosospendo lo stipendio». Kakà non percepirà soldi dal Milan durante il periodo che passerà ai box per la lesione all’adduttore accusata sabato, durante il match pareggiato 2-2 sul campo del Torino. Il brasiliano, ko nella prima partita della sua seconda avventura rossonera, si sottoporrà a nuovi esami tra 10 giorni. «Avete letto sul sito del Milan del mio infortunio. È stata una brutta giornata, non mi aspettavo un infortunio così. È stato veramente brutto e difficile», dice Kakà in un video di circa 1’35« che il Milan ha pubblicato su YouTube. »Ho parlato molto con la società, con Galliani (l’amministratore delegato, ndr) e con i dottori per decidere un pò di cose. Alla fine, ho deciso che non voglio niente dal Milan tranne il sostegno e l’affetto in questo momento, finchè non sto bene e non sono disponibile a giocare. Per questo ho deciso di autosospendermi lo stipendio durante questo periodo«, prosegue il verdeoro. »L’unica cosa che ho chiesto al Milan è l’affetto e il sostegno per guarire bene. Ho iniziato già le cure, tutto quello che ho sentito uin questi giorni mi dà la carica e mi motiva ad essere in campo il più presto possibile. È un momento duro, difficile ma ho già iniziato le terapie e spero di tornare il più presto possibile per dare un pò di gioia a voi e anche a me«, conclude rivolgendosi ai tifosi.