Michelle Bonev da Santoro: “Alla Pascale piacciono le donne, avevamo una relazione”

      Michelle, bonev, pascale, gay, servizio, pubblico,Michele Santoro,Emilio Fede,Berlusconi,donne,news,notizie


Pascale ancora nel pieno del ciclone gossipparo. In un’intervista a Servizio Pubblico, il programma di Michele Santoro, in onda ieri sera, Michelle Bonev ha parlato della sessualità Pascale.  La Bonev avrebbe riportato le parole dell’ex premier: «A Francesca piacciono le donne. Tanto è vero che non ha mai avuto rapporti con uomini. È iniziato tutto molti anni fa, con la sua insegnante, molto più grande di lei… Francesca è molto gelosa delle ragazze che sono intorno a me, perché secondo lei sono tutte delle poco di buono. E il suo intento è proteggermi, lei vorrebbe stare vicino a me per proteggermi».  La donna è stata già smentita da diverse persone, tra cui Emilio Fede. Racconta comunque la sua versione dei fatti e riporta le parole che avrebbe detto Berlusconi, ma la Pascale non lascia certo correre e minaccia querela.

Raoul Bova: “Il mio matrimonio è finito. Io gay? Non avrei problemi a dirlo…”

Raoul, Bova, matrimonio, Chiara, Giordano, figli, omosessuale,gossip,news,notizie,vip,attore,Vanity Fair,donne


“Chiara e io nel tempo siamo molto cambiati. Il cambiamento a volte unisce e a volte no. Noi due, purtroppo, non ci siamo più capiti…”. Raoul Bova confessa a “Vanity Fair” la fine del suo matrimonio con Chiara Giordano: “Allora è iniziato un periodo molto lungo – quasi tre anni ormai – in cui ci siamo parlati, ci siamo confrontati. Abbiamo provato in tutti i modi a risolverli, quei problemi, ma purtroppo non è bastato… E alla fine abbiamo deciso di comune accordo, con grandissimo dolore e con grandissima civiltà, di prendere strade diverse. Lo abbiamo fatto perché crediamo troppo al valore della famiglia per tenerla in piedi a qualunque costo, come facciata, senza onestà. È un atto non dico di amore, ma di rispetto per l’amore che c’è stato tra di noi”.
Il trattamento che gli hanno riservato però è strato parecchio duro: ” Se io sono un personaggio pubblico e conosco le regole del gioco, i miei figli non hanno fatto nulla per meritarsi questo trattamento… L’assedio dei fotografi li spaventa… Poi c’è la scuola: i compagni a casa hanno genitori che leggono, ascoltano, e a tavola commentano queste cose, e i figli le sentono, e tornando a scuola le ripetono, con la cattiveria che possono avere i bambini: tuo padre sta male, tuo padre è un ladro, tuo padre divorzia, tuo padre è gay… Se mi vedo costretto a parlare, è per proteggere loro”.
Se poi fosse omosessuale, non avrebbe problemi ad ammetterlo: ” Lo dico apertamente, mi piacciono le donne. Se fossi omosessuale, credo che non avrei nessun problema a riconoscerlo. O forse non lo direi: perchè questo obbligo di dichiararsi, di giustificarsi? Nessuno va in giro a dire: piacere, sono etero. Più di metà dei miei amici sono gay. Persone con cui sono cresciuto e andato a scuola, con cui lavoro. È per loro, soprattutto, che mi fa ribrezzo questo modo razzista e retrogrado di usare l’etichetta di omosessuale come una macchia inconfessabile, come una peste”.

Caterina Balivo e l’abitino ”castigato” in passerella a Milano

      Fashion, Week, Caterina, Balivo, sfilata, Flavia, Padovan,donne, abitino,spettacolo,gossip,news,notizie,moda,Milano,Melita, Toniolo


La Fashion Week di Milano si è appena conclusa e sono tante le donne di spettacolo che hanno ancheggiato in passerella per stilisti vari. Non ha fatto eccezione la bella Caterina Balivo, che ha “illuminato” la sfilata di Flavia Padovan. Con un abitino castigato la conduttrice di “Detto fatto” ha attirato l’attenzione dei presenti, fra cui l’ex Diavolita Melita Toniolo.


Ribas fa outing: “Mi curo contro la ritenzione idrica”

ana laura ribas,cellulite,trattamenti per sconfiggere la ritenzione idrica, foto,sport, donne ,estetista, Twitter ,ritenzione idrica,gossip,bellezza,news,notizie,vip,


Questa volta i paparazzi non c’entrano nulla e nessun giornale scandalistico ha battuto la notizia in esclusiva. E’ stata la stessa Ana Laura Ribas a rivelare il suo segreto di bellezza con tanto di foto correlata: si sottopone periodicamente a trattamenti per sconfiggere la ritenzione idrica, principale causa dell’odiosa cellulite e di aumenti repentini di peso. La show girl ha postato la sua foto su Twitter spiegando nel suo blog dedicato alle donne che lei, che non ama molto fare sport, ricorre all’estetista che con un macchinario che sfrutta gli ultrasuoni la aiuta a tenere sotto controllo il fenomeno tristemente noto fra le signore di tutte le età.  “Io per esempio – scrive – non ho cellulite ma soffro tantissimo di ritenzione idrica che a volte mi causa un innalzamento della bilancia persino di 2 o 3 kg. E per combattere la ritenzione cerco di limitare o almeno bilanciare tutto quello che c’è di cattivo e che fa male, e che purtroppo ci piace”. 

 

Reggiseno addio, arriva invisibra: Il push-up che si incolla

 

20130731_51512_invisibra_3.jpg

 

Un reggiseno push-up adesivo senza spalline né cuciture. Questo è InvisiBra, il reggiseno di ultima generazione presentato oggi a Londra da Lovalia. Oltre a sostenere seni di ogni taglia, è disponibile in tanti modelli differenti, proprio come quelli a cui siamo abituati, ma si propone di regalare alle donne un senso di libertà mai provato prima.

 

Al Bano: “Dopo i concerti un sacco di donne nei camerini. E poi…”


albano carrisi, al bano, groupies, fan, romina power, lecce, demoni, demonio, donne, croci,gossip,news,notizie,vip,musicaDai demoni alle donne, dalle croci alle groupies. Albano Carrisi, in arte Al Bano, si confida ai microfoni di Express.de e confessa la sua passione per il gentil sesso, che non sembra scemare con l’avanzare dell’età. Dopo la recente intervista del cantautore ad ArticoloTre, in cui raccontava della lotta contro il demonio – “sconfitto tre volte ricoprendomi di croci” -, Al Bano non nasconde il piacere che prova nell’essere seguito da uno stuolo di fan: “Anche adesso alle groupies non riesco a dire di no. L’amore è importante, l’amore è parte della vita e il piacere del fare sesso non passa nemmeno con l’età”, confessa il cantante.
“Non serve spiegare…” – Nonostante la lunghissima carriera e i settant’anni suonati, insomma, ad Al Bano non mancano le ammiratrici. Tanto che, spiega, c’è un piccolo esercito di ragazze pronto a correre nel suo camerino dopo i concerti. “Ci sono donne di tutte le età”, spiega il cantante, che poco prima aveva parlato del “piacere del fare sesso”. Ovvio il sospetto: momenti di passione anche con le fan “di tutte le età”? E lui, candidamente: “Se trovo una donna che mi piace la invito a venire da me”. E poi? “Dai, non serve spiegare cosa succede nel dettaglio, vero?”.

La “sostituta” –
Recentemente si è parlato tanto della reunion con l’ex compagna, di musica e di vita, Romina Power, con cui per una volta tornerà a cantare a Mosca. Ma Al Bano va oltre questa esibizione, e ha già le idee chiare sulla possibile “sostituta” ideale dell’ex moglie: si tratta della cantante 28enne di musica popolare tedesca, Helene Fischer, con cui ha duettato in un medley nel corso di uno show televisivo. “Helen è semplicemente fantastica, vorrei passare più tempo con lei. Chiedetele se vuole diventare la mia Romina”, si è sbottonato con i cronisti di Express.de.

Tacchi alti, la Parker dice addio un filler per camminare

 

 sarah jessica parker,sex and the city,tacchi,ballerine,donne,bellezzachirurgia plastica,moda,gossip,news,notizieROMA Sarah Jessica Parker, la Carrie Bradshaw di Sex and the City, dice addio ai tacchi: i suoi piedi – ha confessato al magazine americano Net-A-Porter – non le consentono più di indossare i trampoli di Manolo Blahnik o Jimmy Choo, marchio di fabbrica della protagonista del popolare telefilm. «Per dieci anni ho corso sui tacchi, li ho indossati sul set per 18 ore al giorno e quando sono andata dal dottore perché mi sono slogata la caviglia ha detto che si era formato un osso dove non doveva esserci».

L’idillio – sul set ma anche nella vita vera – con gli stiletto, le ha infatti causato danni permanenti ai piedi. Ora, dopo una vita sulle punte, la Parker dovrà rassegnarsi a indossare comode – ma meno affascinanti – ballerine.

Eppure “salvare” in tempo i piedi è possibile. Tutte le donne, schiave dello stiletto, possono ricorrere all’aiutino di un filler in grado di annullare il dolore causato da tacchi troppo alti. Si tratta di una iniezione che permette di non avvertire alcun fastidio se si indossano i tacchi a spillo. Un’idea nata anni fa nelle cliniche di bellezza di New Delhi, che ha risolto uno dei problemi femminili più diffusi, e che ora comincia ad essere molto richiesta anche in Italia. «Il piccolo intervento – ci spiega il dottor Alfredo Borriello, direttore dell’Unità operativa di chirurgia plastica all’ospedale Pellegrini di Napoli – consiste nell’iniettare sotto la pianta del piede dell’acido ialuronico macromolecolare che consente di creare dei cuscinetti artificiali che “ammortizzano” il dolore provocato dalle altezze vertiginose. L’intervento dura circa 20 minuti e elimina subito la sensazione di bruciore comunemente associata ai tacchi alti».

Il costo parte dai 600 euro e l’effetto dura nove mesi, dopodiché i cuscinetti si riassorbono. L’applicazione dell’acido ialuronico macromolecolare in campo medico, veniva utilizzato principalmente per il corpo, per correggere i difetti strutturali, gli inestetismi cutanei e per riempire avallamenti, migliorare cicatrici, anche post trauma. Successivamente la sua applicazione si è estesa anche in ambito oftalmologico, oculistico e ortopedico. Oggi aiuta anche le donne che vogliono sembrare più alte e a loro agio anche su zeppe e tacchi vertiginosi.

Moda, I Tacchi Alti sono sexy, ma fanno male alla schiena?


tacchi,sexy,donne,scarpe,moda,bellezza,acquistarle in internet,sensuali,salute,news,notizie


Solitamente si usa questo detto, quando le donne vogliono migliorare il proprio aspetto e in molte situazioni, questa frase è perfetta, come ad esempio nel momento della ceretta, quando si indossano bustini stretti, ma spesso anche quando si usano tacchi a spillo e molto alti.

In questo articolo, vogliamo proprio soffermarci su quest’ ultimo argomento e quindi, informarvi su: “I tacchi alti sono sexy, ma fanno male ad articolazioni e schiena?”

Ovviamente, bisogna sempre saper scegliere le scarpe giuste, preferibilmente in negozi di qualità e cercare di non acquistarle in internet, perchè è sempre bene prima provarle per capire se è adattabile al vostro piede.

Tornando ai tacchi, invece, bisognerebbe scegliere un tacco basso, che abbia quindi un altezza tra i 3 e i 5 cm massimo: questo tacco è ideale aiuta a non creare sforzi al piede e quindi, riesce ad evitare dolori ed infiammazioni che i tacchi alti e a spillo sono in grado di provocare, soprattutto se portati per più ore.

Le scarpe dai tacchi alti, spostano il baricentro in avanti, sovraccaricando così la parte anteriore del piede: ovviamente sono molto più sensuali di un tacchetto da 3 o 4 cm, ma gambe e schiena ne risentiranno.

Danza del ventre ok per le future mamme


danza_del_ventre.gif


FIRENZE movimenti lenti e circolari della danza del ventre possono rappresentare una preziosa fonte di benessere, sia fisico che psicologico, per le donne che si stanno preparando al parto.

Dell’argomento si è discusso in questi giorni nel corso del convegno «L’altro parto: dall’acqua alle medicine complementari», messo a punto dall’Azienda Sanitaria di Firenze.

In questo caso la tipologia di ballo orientale più famosa al mondo non si limita ad essere una danza sensuale, ma con le sue movenze offre alle donne incinte la possibilità di tonificare al massimo i muscoli addominali, mentre i colpi d’anca rendono più naturali i movimenti del bacino. Inoltre il ritmo circolare che si trova alla base del ballo finisce per rendere più forti i tendini e la muscolatura dell’area pelvica.

I benefici sul fisico consistono in una significativa diminuzione dei dolori che anticipano il parto e dei fastidi alla colonna vertebrale. In molti casi la danza del ventre favorisce l’assunzione di una postura più corretta nella partoriente.

E se, al momento del parto, il tipo di respirazione agevola la nascita del bambino, nelle settimane precedenti, attraverso un’adeguata attività respiratoria e una buona tonicità muscolare, la mamma può fare in modo che per il nascituro aumentino le probabilità di respirare e muoversi in maniera naturale e rilassata.