Le sexy modelle vestite da calciatori. Prada punta sul look ‘mascolino’

20140103_60297_pradamodellecalciatoriIndossano grandi calzettoni da calcio, ma sono delle splendide modelle. Questa l’originale campagna di Prada per la collezione donna primavera/estate 2014, firmata da Steven Meisel. I gruppi di modelle catturano l’attenzione con il loro sguardo collettivo, che punta all’orizzonte in una visione unitaria sullo sfondo dei graffiti. Le modelle indossano abiti, cappotti e accessori, tra i quali straordinari e spessi calzettoni colorati, che prendono vita con giganti stampe a graffiti di volti femminili.  Anche le pareti dello spazio di via Fogazzaro a Milano, dove si è tenuta la sfilata, e che fa da sfondo, sono state trasformate con lo stesso procedimento, rivelando ‘In the Art of the Multitude‘, una visione di illustratori e artisti dei graffiti contemporanei della rappresentazione femminile, del potere e della molteplicità. Le acconciature, identiche, prevedono i capelli lisci con la riga da una parte, per chiome lucide adornate da piume, mentre le calze al ginocchio sportive sono tempestate di cristalli che evocano caramelle. Le borse sono iper- femminili, impreziosite da coccodrillo lucido, borchie e saffiano. Strisce sportive come dettaglio lungo le scollature e il busto sottolineano l’atmosfera da ritratto di squadre studentesche, ma poi la scala viene ingrandita con le immagini tagliate che accentuano i dettagli.  Le modelle sono Julia Bergshoeff, Dorota Kullova, Ashleigh Good, Gracie Van Gastel, Amanda Murphy, Viktor Van Pelt, Maggie Jablonski, Lieke Van Houten, Maja Salamon, Ola Rudnicka, Sabrina Ioffreda, Magdalena Jasek, Nastya Sten, Cindy Bruna, Anna Ewers, Ophelie Guillermand, Malaike Firth, Lexi Bolling. Il video della campagna sul sito Prada.

Elisabetta Gregoraci: “Ecco perchè ho scelto Flavio e non un calciatore giovane e bello”

index“Avrei potuto scegliere fra un sacco di corteggiatori: imprenditori, calciatori, giovani e belli”. Elisabetta Gregoraci racconta a “Grazia” i motivi per cui ha scelto come compagno di vita Flavio Briatore: “In Flavio ho trovato un uomo capace di proteggermi, di insegnarmi qualcosa – ha spiegato – Ho scelto con la testa, altro che calciatore. Ma devo dire che anche lui è fortunato… Perchè gli sono stata vicina, tenendo sempre duro, ho rinunciato a tante cose per lui. E ho sempre scelto la nostra coppia, con tutto quel che comporta”.
Felice in famiglia, è un pò infastidita della troppa pressione del gossip: “Vorrei non essere paparazzata a vista. Vorrei non essere pugnalata dal gossip. Vorrei essere libera di stare bene o male, come mi pare… Riesce a immaginare che cosa io possa provare ogni volta che, cercando il mio nome, trovo il video del funerale di mia madre?”.

Sara Tommasi: “Sono stata dall’esorcista. Tutto iniziò quando cominciai a sentire le voci”

 sara,tommasi,confessa,esorcista,voci,news,notizie,vip,gossip,selvaggia lucarelli,violenze,"la fine del mondo",calciatori,attori famosi,incubo,inferno,uefa champions league,comportamenti sessuali,squilibrio psichico,personaggi dello spettacolo,fabrizio corona,esorcismo


“Ho subito molte violenze da parte di ragazzi di cui mi fidavo in questi anni”. Sara Tommasi confida a Selvaggia Lucarelli durante la trasmissione “La fine del mondo” su M20 quanto le è accaduto negli ultimi anni: “Molti attori famosi, calciatori e personaggi noti si sono approfittati di me quando non stavo bene, per poi rinnegarmi. Sono stata perfino da Padre Amorth per allontanare queste voci che dal 2009 continuavo a sentire ininterrottamente e mi ha detto che il mio è un grave caso di possessione demoniaca, ma ora, dopo quattro anni di incubo sto bene”.
Tutto ha avuto inizio anni fa: “Il mio viaggio nell’inferno è cominciato nel 2009. Conducevo Uefa Champions League e anche durante la trasmissione ho cominciato a sentire delle voci. Mi dicevano cose assurde, mi suggerivano comportamenti sessuali estremi, mi davano ordini. Questo squilibrio psichico mi ha portato velocemente a diventare violenta, picchiavo tutti e mi fidavo di persone losche. Non riuscivo più a distinguere le persone equivoche dagli amici”.
Poi le persone che si sono approfittate: “Tante persone. Sono stata ricattata e minacciata di morte. In questi anni ho rischiato più volte la vita perchè mi infilavo in situazioni pericolose senza rendermene conto. Nell’ultimo periodo una persona mi stava letteralmente sgozzando. Voleva 20 000 euro altrimenti mi avrebbe ammazzata. Gliel’ho dati. Sono stata vittima di molte violenze da parte di uomini di cui mi fidavo. Ci sono stati anche tanti attori famosi, calciatori, personaggi dello spettacolo che in questi anni sono venuti a letto con me nonostante fossi totalmente instabile e poi hanno fatto finta di non conoscermi. Fabrizio Corona in questo è sempre stato dalla mia parte: mi diceva che gli facevano schifo quelli che si approfittavano di me sapendo che non stavo bene”.
Per curarsi “Ho preso tutti gli psicofarmaci del mondo. Mi hanno ricoverata moltissime volte ma le voci non smettevano. A un certo punto qualcuno mi ha parlato di una possibile possessione demoniaca, per cui sono stata da tre esorcisti. Uno di questi era Padre Amorth il quale mi ha fatto il rito classico dell’esorcismo ma ha concluso che sono un caso troppo grave”.
Ora è guarita: ” Ho ritrovato la forza, le energie fisiche l’autostima. Ora ho riscoperto la normalità. Vivo a Terni, cucino, aiuto mia madre, vado in palestra. Lo sguardo triste di mia madre quando stavo male è stata l’unica cosa che mi ha dato la spinta per cercare aiuto”.

Il Papa benedice i calciatori Poi va a confessare Balotelli Secondo voi cosa gli ha detto?

papa francesco,sport,papa,francesco,calciatori,buffon,balotelli,messi,italia,argentina,gossip,news,notizie,vip

Non si sa cosa si siano detti ma Papa Francesco e Mario Balotelli hanno parlato in privato per qualche minuto. Una sorta di confessione voluta a tutti i costi dal calciatore del Milan che ha letteralmente inseguito Bergoglio dopo l’incontro ufficiale in Vaticano con 200 tra giocatori, dirigenti e funzionari delle due nazionali Italia e Francia, e che alla fine è riuscito a scambiare due parole con lui.

Si è invece commosso molto Gianluigi Buffon. Che alla fine dell’incontro ha detto: “E’ stata una giornata speciale, che resterà impressa nelle menti e nei cuori di tutti noi per sempre. Abbiamo la fortuna di avere un Papa speciale, finalmente si possono tradurre in fatti concreti le molte parole e pensieri che spesso ci proponiamo di fare e non mettiamo in pratica. Con un Papa così, che ci indica la via da seguire, che ci scalda anima e cuore, è più facile fare quelle cose che ci rendano migliori”. E ancora, con una battuta: “Cercando di sorridere, sono contento anche perché per la prima volta c’è una persona che riscuote più successo di Messi. E’ la normalità e mi ha fatto piacere. Mantenere il dilettantismo? E’ giusto non perdere la passione per lo sport, ma quando si parla di professionismo e alti livelli può diventare arduo far restare intatto il concetto”.  

Papa Bergoglio, infatti, aveva parlato del calcio diventato un sistema di affari e si era raccomandato: “Dovete coltivare invece la dimensione di dilettanti che non comporta discriminazioni. Così sparisce la violenza e si tornano a vedere le famiglie sugli spalti. Lo sport è importante, ma deve essere vero sport!”. Il calcio, come altre discipline, ha detto il Pontefice alle due squadre è diventato un grande business! Lavorate perché non perda il carattere sportivo”. E dopo aver detto ai calciatori che “bellezza, gratuità e cameratismo si trovano riassunte in un termine sportivo che non si deve mai abbandonare: dilettante, amateur”.  “E’ vero – ha ammesso il Papa – che l’organizzazione nazionale e internazionale professionalizza lo sport, e deve essere così”, ma “uno sportivo, pur essendo professionista, quando coltiva questa dimensione di dilettante, fa bene alla società, costruisce il bene comune”.  “. Poi ancora: “Pregate per me. Perché possa giocare anch’io, nel campo in cui Dio mi ha posto, una partita onesta e coraggiosa per il bene di tutti”. 

Calciatore in vacanza:la serie a ”invade”Costa Smeralda

 

      calciatori, serie a, tiribocchi, marchetti, masiello, de maio,gossip,mare,vip,news,notizie


Dal campo di gioco… alla Costa Smeralda. Un vero e proprio trasferimento di una parte della Serie A sulle splendide spiagge della Sardegna dove si sono ritrovati giocatori e consorti: Tiribocchi con la moglie Gloria Zanin, Federico Marchetti con Rachele Mura, Salvatore Masiello e Sebastian De Maio. Presente anche Giampiero Ventura, a rappresentare gli allenatori, accompagnato dalla moglie.