La Biancofiore attacca la Versace: “Ce l’hai con Berlusconi? Se fosse gay lo rispetteresti…”

berlusconi-biancofiore-carlino.jpg


Michaela Biancofiore vsDonatella Versace. In mezzo c’è Silvio. La stilista ha criticato più volte il Cav, soprattutto dopo la sentenza della Cassazione nel processo Mediaset, e ha aderito alla raccolta firme del Fatto Quotidiano per evitare una riforma della Costituzione che spinga verso il presidenzialismo. Le parole e i gesti della Versace non sono passati inosservati. La Bincofiore così ha risposto a muso duro, difendendo il Cav: “E’ una grandissima stilista, ma sbaglia a criticare Silvio. Forse si è fatta abbindolare da un sistema politico-giudiziario. Se a Berlusconi fossero piaciuti i maschi, anziché le donne, probabilmente certi stilisti avrebbero avuto più simpatia per lui”, afferma la Biancofiore nel corso dell’ultima puntata di “KlausCondicio”. 

Siamo stufe – Poi la Bincofiore attacca la Versace anche per le sue opinioni riguardo al rapporto del Cav con le donne. La stilista ha criticato aspramente Silvio, soprattutto durante il processo Ruby. E anche qui arriva la risposta della Biancofiore: “Constato che nel criticare Berlusconi per il suo rapporto con le donne forse sbaglia. Dovrebbe leggersi il mio libro per capire quanta delicatezza ha usato nei miei confronti da vent’anni a questa parte Silvio Berlusconi. Probabilmente anche lei si fa abbindolare da quello che è il giudizio di un sistema politico, mediatico e giudiziario di processi fatti ad arte, ma Silvio Berlusconi è tutta un’altra persona”. E aggiunge: “Berlusconi ha un profondo rispetto per le donne: basti pensare al rapporto che ha oggi con Daniela Santanchè, la quale anche si era fatta trarre in inganno e aveva detto che Berlusconi metteva tutte le donne in orizzontale. Invece non è così, come si può vedere. Anche questa è garanzia, noi siamo abbastanza stufe. Che poi gli piacciano le donne, viva Dio, lo sapete tutti come la penso: meno male che gli piacciono le donne!”