Balotelli, incidente d’auto a Brescia: stava andando a casa dei genitori

      balotelli, incidente, auto, brescia, milanello,news,notizie,vip,gossip,caciatore


Non è proprio un momento facile per Mario Balotelli. L’attaccante del Milan, da tempo al centro di varie polemiche, ora ne combina di tutte i colori anche al volante.
Dopo le polemiche per la squalifica di tre giornate dopo Milan-Napoli, l’incidente diplomatico in nazionale, la simulazione di ieri che gli è costata anche una multa, ora Balotelli è rimasto coinvolto in un incidente d’auto dal quale è comunque uscito illeso.  Supermario, da solo a bordo della sua Audi, ha tamponato un auto condotta da un concittadino bresciano che aveva frenato bruscamente davanti a lui. Secondo la ricostruzione del Milan, i due dopo una rapida constatazione amichevole sono ripartiti a bordo delle proprie vetture. Dopo l’allenamento a Milanello, infatti, l’attaccante rossonero stava andando a trovare i genitori.

Fanny Neguesha “perseguitata”: durante lo shopping arriva il Twerkatore de “Le Iene”

Mario, Balotelli, Fanny, Neguesha, Le Iene, Twerkatore, Stefano, Corti,gossip,news,notizie,vip,calciatore,amore,shopping


Adesso che Mario Balotelli ha promesso di tenere la testa a posto a stravolgere la vita alla bella fidanzata, Fanny Neguesha, arrivano direttamente “Le Iene“. Fanny stava passeggiando tranquillamente a Milano per un giro di shopping, quando è stata disturbata dal Twerkatore delle Iene Stefano Corti, che l’ha fatta fuggire a gambe levate…

Smartphone al posto della baby sitter, il 38% dei bimbi cresce con le nuove tecnologie

      smartphone, bimbi, tecnologie,news,notizie, lavoro,baby sitter,crescita di un bambino


Bambini sempre più digitali e gli smartphone fanno perdere il posto di lavoro alle baby sitter. Il 38% dei bambini sotto i due anni cresce utilizzando tablet e smartphone. Questo è quanto rivela uno studio di “Common Sense Media”, organizzazione no-profit di San Francisco impegnata nello studio degli effetti che le nuove tecnologie hanno sui giovani utenti.  «Non solo aumenta la quantità di bimbi coinvolti, ma anche il tempo di utilizzo giornaliero di questi strumenti: nel 2011 erano 5 minuti al giorno, nel 2013 sono 15″, continua Steyer. “Chi non sa ancora parlare, si alza verso il televisore e cerca di usarlo come un iPad o un iPhone», afferma uno dei ricercatori.  Certo l’allarme resta alto, l’uso dei videogame o delle tecnologie non è necessariamente negativo ma la crescita di un bambino non può essere affidata solo alla tecnologia.